Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Prostituzione anche di giorno, i residenti di via Ferrari in protesta

Condividi su:

L'audizione del comandante della Polizia Municipale nella commissione Sicurezza del Comune e una manifestazione di protesta con decine di cittadini nelle strade che si terrà subito dopo Pasqua.

 

Queste le due azioni che metteranno in campo i consiglieri comunali Piernicola Teodoro e Massimiliano Pignoli di Scegli Pescara-Lista Teodoro allo scopo di arginare il dilagante fenomeno della prostituzione che vede anche nelle ore diurne donne in abiti succinti esercitare il meretricio sia in zone periferiche che centrali della città.

 

A seguito di una lettera di Pignoli, il presidente della commissione Sicurezza e Polizia Municipale Piernicola Teodoro convocherà in audizione sia il comandante della Polizia Municipale che il sindaco che ha la delega alla stessa con l'obiettivo di fare il resoconto di quanto fatto finora e tracciare un bilancio.

 

«Tanti cittadini», dice Teodoro, «sono stanchi di questa situazione, è stato bravo il sindaco a rinnovare l'ordinanza, ma noi siamo d'accordo con i residenti sul fatto che non sia più tollerabile che di giorno ci siano le prostitute in strada. Con i cittadini organizzeremo questa protesta per sensibilizzare le istituzioni verso questo fenomeno che dietro di sé nasconde anche organizzazioni criminali».

 

«Organizzeremo questa manifestazione subito dopo Pasqua tra via Enzo Ferrari e via Caduta del Forte», aggiunge Pignoli, «anche per dissuadere le prostitute dall'attività di meretricio. Pescara è tra le città più pericolose d'Italia per i reati commessi e noi vogliamo focalizzare la nostra attenzione proprio sul fenomeno della prostituzione che dietro di sé cela altri reati. Teodoro convocherà il comandante, visto che la Polizia Municipale ha un servizio apposta per la prostituzione. Ci aspettiamo una relazione del comandante per capire quali siano stati i risultati raggiunti. Un'idea potrebbe essere quella di istituire nuovamente una task force».  

Condividi su:

Seguici su Facebook